Home » I più letti » Donna Ayres: Terrorizzata dal fantasma del fratello

Donna Ayres: Terrorizzata dal fantasma del fratello

Donna-AyresDonna Ayres, 33 anni, inglese, sta suscitando grande interesse nel mondo degli appassionati del paranormale grazie ai video che catturano alcuni momenti in cui, quello che lei crede di essere il fantasma del suo defunto fratello, la perseguita nella sua stessa casa.

Donna ha rivelato che i fenomeni sono cominciati dopo la morte nel 2009 di suo fratello Paul con il quale aveva un rapporto molto conflittuale. Da allora per cercare di sfuggire alla persecuzione ha provato a traslocare, cambiando casa per ben cinque volte ma nonostante i suoi tentativi niente è cambiato anzi le cose sembrano peggiorare.

Inizialmente i fenomeni si concentravano soprattutto durante le ore notturne con forti rumori e graffi sulle pareti che apparivano il mattino seguente, poi si sono fatti sempre più terrificanti ed anche in pieno giorno. A questo punto nel tentativo di dimostrare l’esistenza dello spirito, Donna, che è alla disperata ricerca di una spiegazione, ha deciso di provare a catturare l’attività paranormale con la fotocamera del telefono cellulare.

Come spiega lei stessa “E ‘difficile ottenere un filmato considerato che l’attività paranormale si manifesta senza preavviso è talvolta accade tutto molto velocemente per permette di immortalare il tutto”. Nonostante ciò è riuscita ad ottenere alcuni video che sono ora al vaglio di esperti del paranormale anche per scoprire l’uso di eventuali trucchi.

Da quel momento però i fenomeni non sono affatto diminuiti anzi Donna crede di aver fatto arrabbiare ulteriormente lo spirito che secondo le sue dichiarazioni in qualche caso non si è limitato a spostare tazze o far ondeggiare lampadari (come si vede nel video) o a suonare una chitarra, ma è stato responsabili di una serie di contusioni con cui si è svegliata al mattino dopo una notte trascorsa da sola in casa.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*